logocontrovoci

Ritengo necessario dire la mia, in qualità di componente di minoranza dell’attuale Consiglio Comunale di Veglie 

e capogruppo del gruppo consiliare VEGLIEDOMANI, al fine di tentare di dare un contributo alla buona analisi fatta dal prof. Antonio Greco (leggi articolo ndr) e dimostrare perché siamo effettivamente caduti così in basso, su tutti i livelli: democratico, sociale ed economico.

E questo mio intervento, inevitabilmente critico dal punto di vista politico amministrativo, vuole essere soprattutto una testimonianza, una chiara denuncia relativamente al tentativo di mostrare come vanno veramente le cose in questa amministrazione.

È vero, e parlo naturalmente a titolo personale, il senso di frustrazione è alto.

Probabilmente ricorderemo questa maggioranza, solo per gli STOP! Altro di degno di nota, purtroppo e in tutta onestà, non mi sovviene. Basti considerare che le sole cose portate a casa (vedi il grande progetto ELENA di recentissima sottoscrizione, la ristrutturazione dell’immobile adibito al LUG, da cui i ragazzi sembrano comunque scappati, o gli ultimi finanziamenti sulla rimozione dell’amianto) sono venuti fuori da proposte e stimolazioni del gruppo VEGLIEDOMANI. E se questo, da una parte ci rende naturalmente orgogliosi, tuttavia continuo ad avvertire quel senso di frustrazione e di vuoto, per tutte le altre opportunità che, in un clima partecipativo, fattivo e collaborativo, avremmo potuto e dovuto intercettare, esclusivamente nell’interesse della cittadinanza e del territorio.

Dispiace constatare come ci siano componenti dell’attuale maggioranza, anch’essi da tempo profondamente delusi e scoraggiati dall’andazzo, che sembra abbiano tirato definitivamente i remi in barca e stiano in C.C. semplicemente a sostenere il sindaco per semplice spirito di “lealtà” e “rispetto” (non verso se stessi, evidentemente, né verso i cittadini di questo comune), come se la carica di Consigliere ricoperta, fosse una semplice attività privata, fatta in amicizia, facendo finta di dimenticarsi delle responsabilità e dell’importanza della loro funzione e delle conseguenze delle loro scelte!

Mi riferisco, per esempio, al Consigliere Massa, che da tempo ormai, si limita semplicemente a presenziare in CC e ad alzare la manina scegliendo il da farsi solo in base a quello che ordina il sindaco, arrivando, sfacciatamente perfino a non convocare la commissione presieduta…

Mi riferisco, per esempio, al Presidente Cacciatore, che, con grande sofferenza, si limita ad andare avanti giorno per giorno, sperando che arrivi presto la fine del mandato per sentirsi finalmente libero, al quale esprimo comunque solidarietà, comprendendone le difficoltà e riconoscendogli il merito di fare quanto nelle proprie possibilità, per condurre dignitosamente le sedute.

Mi riferisco a tutti gli altri componenti della maggioranza, che si commentano da soli, in quanto completamente assenti sotto tutti i punti di vista e nel torpore più assoluto.

Un segnale importante comunque è sfuggito al prof. Greco: dopo ben 3 anni e mezzo, per la prima volta, qualcuno, con un po’ di coraggio, è riuscito finalmente ad assumersi coerentemente le proprie responsabilità: mi riferisco all’Assessore Stefanizzi, bistrattato e umiliato pubblicamente dal sindaco nell’ultimo C.C, e che si è visto nullificato il lavoro che precedentemente lo stesso aveva fatto relativamente alla questione SIC macchia Belmonte (detta Lupomonaco): viaggi a Bari, telefonate e tempo per approfondire e capire correttamente la procedura; ma, niente da fare, il podestà Paladini, è l’unico che può andare a Bari a prendere la zona SIC… sì, certo, campa cavallo che l’erba cresce! E chi se ne frega delle opportunità di finanziamento che, inevitabilmente, si perderanno, della possibilità di valorizzare la macchia al fine di renderla veramente attrattiva e interessante per il territorio e per i turisti, del grande lavoro e impegno del Cons. Regionale Casili e del nostro Cons. Vetrano e, appunto, dell’Ass. Stefanizzi.

E ancora, relativamente alla mozione proposta per l’adeguamento del PRG allo strumento urbanistico regionale PPTR (procedura che tanti altri comuni stanno facendo, vedi, al solito, Leverano e Copertino), il nostro sindaco, nonostante il parere tecnico positivo e l’obbligo imposto dalla legge, ergendosi addirittura al di sopra di questa, vota e fa votare i propri adepti, sfavorevole! Fantastico!

Auspico davvero per la nostra comunità, che questo incubo finisca il più presto possibile, auspico da parte dei Cons. di maggioranza, uno scatto di amor proprio e verso il paese che rappresentano, per uscire, finalmente, dall’umiliazione a cui sistematicamente sono sottoposti loro e tutta la comunità vegliese: qualunque cosa accada dopo, sono sicuro, sarà sempre e comunque migliore dell’attuale!

P.S. E poi ci scandalizziamo se, in questo contesto, alcuni cittadini e relativi legali pensano e usano le già disastrate casse del comune, come un bancomat? Siamo abituati a tutto ormai!

Veglie, 2 dicembre 2018                                                                                                                      Salvatore Fai

 

video consigliati


Social


Notice: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.controvoci.it/home/new/modules/mod_custom_facebook_display/tmpl/default.php on line 8