logocontrovoci

COMUNICATO STAMPA
Corre l’obbligo di smentire decisamente quanto denunciato -in modo esagerato- dall’avv. Daniela Mazzotta, nell’articolo apparso in data 14.08.19, dal titolo PAESE INVASO DA RATTI E INSETTI,

tale da suscitare un ‘ingiustificato allarme sociale’ nella popolazione, come se a Veglie vi fosse un’invasione apocalittica di ratti, mosche e insetti. Di norma, il cittadino effettua una segnalazione ed il Comune interviene per il tramite degli uffici preposti. In questo caso -invece- non se ne è dato il tempo: prima è stata allarmata la cittadinanza -in modo davvero spropositato- con un proclama giornalistico; ed il giorno successivo è poi pervenuta la segnalazione al protocollo del Comune, contenente -tra le altre- foto estratte da un noto social, i cui iscritti -pare- sarebbero stati indotti a far pervenire foto e materiale su invito dell’avv. Mazzotta, per corroborare gli elementi a sostegno della pubblica denuncia che la stessa avrebbe avuto interesse a presentare, tra le quali foto di ratti morti (di cui 'una foto che ritrae un ratto morto pubblicata nel 2018’ sul social); nonché altre foto di strade periferiche adiacenti le aree rurali, con tracce vegetazionali. Si conferma -ad ogni buon conto- che la segnalazione è oggetto di trattazione presso i competenti uffici e che nei prossimi giorni saranno effettuate le operazioni di disinfezione, deblattizzazione e derattizzazione -come da calendario già approvato da questa A.C.- non senza osservare che pare proprio trattarsi di una denuncia pertinente ad un clima ‘pre-elettorale’, da parte della componente del movimento Midu, che notoriamente tratta problematiche afferenti alle persone diversamente abili.
In merito a detta segnalazione tendenziosa, potendo la stessa costituire un’ipotesi di ingiustificata turbativa dell’ordine pubblico, si fa espressa riserva di tutela presso le competenti autorità.


IL SINDACO
dott. Claudio PALADINI

DiretteIl GiornaleMeteo Locale

 

video consigliati


Social


Notice: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.controvoci.it/home/new/modules/mod_custom_facebook_display/tmpl/default.php on line 8