fbpx

logocontrovoci

A luglio il commissario straordinario del Comune di Veglie ha deliberato un atto di indirizzo per l’istituzione di una zona a traffico limitato nel centro storico: via San Giovanni (tratto da Largo Porta Nuova a Piazza Umberto I/Piazza XXIV Maggio); Piazza XXIV Maggio; Piazza Umberto (tratto da via Roma sino alla fontana monumentale; via Roma (tratto da via Spani a Piazza Umberto I).

 Un atto per niente rivoluzionario, ma al passo coi tempi, visto che in tanti centri storici è regola consolidata.

Alle volte le Z.T.L. suscitano la diffidenza degli esercenti, che temono un decremento della clientela. In realtà le isole pedonali oltre a determinare maggiore vivibilità, sicurezza e decoro, aumentano il tempo di permanenza delle persone nei centri storici.

Per quanto riguarda la zona orientale del centro storico, ipotizziamo anche la Z.T.L. in via Verrienti (tratto da via Milano a Piazza Umberto I). Lo svantaggio sarebbe l’impossibilità di parcheggiare le automobili in via Cesare Battisti, salvo per i residenti. Il vantaggio sarebbe, oltre ad una riduzione di rumore e smog, una migliore conservazione del vecchio basolato di via Santa Giovanna d’Arco, dove c’era una delle tre porte di accesso del paese. 

Negli ultimi anni si assiste al rifacimento del basolato nei centri storici del Salento, che senza una riduzione del traffico veicolare, in particolare quello pesante, si danneggia in breve tempo.

 

 

 

video consigliati