fbpx

logocontrovoci

Si è svolto ieri, venerdì 20 novembre, il secondo tavolo tecnico-politico sull'emergenza Covid nel nostro paese.

 La convocazione del primo tavolo era stata richiesta qualche settimana fa dai consiglieri di opposizione al sindaco Paladini per discutere, assieme alla maggioranza, circa la situazione sanitaria e sociale presente a Veglie a seguito del diffondersi del Covid19.

Il primo incontro del 13 novembre u.s. si era concluso con la consegna al sindaco di un documento (leggi il documento) contenente le varie proposte di intervento formulate dai consiglieri di opposizione e con la convocazione, da parte del sindaco, di un secondo tavolo aperto a tutti i medici condotti che esercitano nel nostro comune.

Presente al tavolo di ieri la quasi totalità dei medici i quali hanno evidenziato una situazione di profonda incertezza riguardo al momento che stiamo vivendo, ma anche riguardo ai metodi di tracciamento e di diagnosi.

Il sindaco Paladini si è reso disponibile a reperire fondi per poter effettuare i tamponi molecolari, tuttavia i medici hanno richiesto anche la disponibilità di tamponi rapidi.

Si è poi discusso circa la possibilità di mettere a disposizione uno spazio comunale per effettuare i tamponi, convenendo sull'opportunità che sia l'ASL a dover, eventualmente, stabilire quale sia lo spazio più opportuno e a provvedere al suo allestimento.

I consiglieri di opposizione hanno nuovamente richiesto al Sindaco di fornire maggiori comunicazioni ai cittadini che sono in quarantena circa la possibilità di richiedere i servizi messi a disposizione dalla Protezione Civile.

Intenzione comune è quella di aggiornare costantemente il tavolo di lavoro per valutare l'evolversi della situazione, che alla data di ieri vedeva 37 casi di positività riscontrati ufficialmente a Veglie, come da comunicato diffuso ieri dalla ASL Lecce, mentre oggi Veglie figura tra i paesi che hanno più di 50 casi, secondo il bollettino della Regione Puglia di oggi.

Ci permettiamo, come giornale, di fare una piccola riflessione. Ai tavoli finora convocati pare fosse presente solo il Sindaco e non anche gli assessori e i consiglieri di maggioranza, nonostante i consiglieri di opposizione avessero richiesto un incontro con tutti i componeti dell'amministrazione. 

Data l'importanza dell'argomento e il coinvolgimento particolare e diretto di alcuni assessorati alla materia trattata, non possiamo fare a meno di chiederci se l'assenza degli amministratori sia dovuta a una loro scelta o al fatto di non essere stati convocati dal sindaco Paladini.

Controvoci, come ormai avviene da anni per i Consigli Comunali, si propone per trasmettere in diretta Facebook qualsiasi incontro, conferenza o Consiglio, che avvenga tramite piattaforme di videoconferenza.

A tal fine nei prossimi giorni protocollerà presso gli uffici del Comune di Veglie una comunicazione con la quale si rende disponibile a svolgere questo incarico, in forma assolutamente gratuita, come finora è sempre avvenuto.

In questo modo potranno partecipare alla vita politica del nostro paese tutti i cittadini interessati e che non possono farlo a causa del distanziamento sociale dovuto all'emergenza Covid-19 o impossibilitati per problemi di salute. 

Mauro Mea

video consigliati