fbpx

In questo tempo segnato da stanchezze, frustrazioni, ansie ma anche di ripresa, non so se ho la forza e la serenità di porre l’attenzione sul Consiglio comunale ultimo del 24 maggio u.s.. Ci provo.

Oggetto: Mozione ai sensi dell’art. 43, comma 3, del D. Lgs. 267/ 2000 - Art. 26 del vigente Statuto comunale - art. 32 del vigente Regolamento del Consiglio Comunale – Richiesta di Scuse del Sindaco in merito a “Parolacce a microfono acceso”.

(ndr: video della frase in oggetto https://youtu.be/0dpYnWl4s4E - Il video integrale del Consiglio del 29/03/2021 è al seguente link: https://youtu.be/CwH3qNB_oEw)

Egregio Signor Sindaco,

nella conferenza dei capigruppo, tenutasi il 04.03.21, nella quale si sono affrontate le complesse problematiche legate alla presentazione dei progetti di “Enel green power Italia” e di “Iron Solar Srl”, si è stati concordi nel tentativo di tutelare il territorio da una progettualità invasiva che non solo deturpa il paesaggio, ma danneggia le colture di pregio presenti nella zona e le attività agrituristiche ivi presenti.

Diretta Facebook del Presidente del Consiglio di Veglie avv.to Francesco Milanese che illustra alla cittadinanza sul progetto di costruzione di due parchi eolici sul territorio vegliese.

Clicca qui per rivedere la diretta facebook: 

https://www.facebook.com/1019566962/videos/10222262743930396/ 

È ormai noto a tutti che lo scorso 18 febbraio “in seno alla maggioranza” è stato creato un gruppo consiliare “con l’obiettivo [dichiarato] di rafforzare la maggioranza e la buona amministrazione di Veglie, di facilitare l’attuazione di idee e progetti, essere lo stimolo aggiunto a quei consiglieri non coperti da assessorato, dando un contributo concreto alla giunta comunale”.

L’azione di controllo e sollecitazione nei confronti di chi amministra il nostro paese è un aspetto di vitale importanza per tenere alto il valore del dibattito e del confronto. Non è solo dialettica tra amministratori, ma ci facciamo carico di raccordare le istanze e i bisogni della nostra comunità con le istituzioni.

La legge sulle unioni civili in Italia affonda le sue radici a partire dalla fine degli anni ‘80, ed ha sempre portato con sé grande risonanza all’interno dell’opinione pubblica nazionale. Era il 1986, quando per la prima volta in Parlamento si discusse circa la possibilità di introdurre nell’ordinamento giuridico le unioni civili. 

Altri articoli...