fbpx

INVOCATO UN INCONTRO CON IL PREFETTO. "GIUNTA MONCA E ATTIVITA' A RILENTO"

PROTESTA: Aula abbandonata dopo la mancata visione degli atti.

VEGLIE – “I problemi della maggioranza stanno creando gravi pregiudizi per la cittadinanza; chiederemo al prefetto un incontro urgente”. L’opposizione riapre le ostilità contro l’Amministrazione guidata dal sindaco Sandro Aprile alle prese, da mesi, con una crisi interna strisciante che ha determinato prima l’azzeramento della Giunta e poi la nomina di un esecutivo numericamente provvisorio.

Al Sindaco Comune di Veglie; Al Segretario Generale; Al Responsabile del procedimento

e, pc Ai Sindaci: Comune di San Pancrazio; Comune di Porto Cesareo; Comune di San Donaci; Comune di Salice Salentino

Oggetto: Ennesimo Ricorso al Consiglio di Stato in Revocazione (ex art. 106 c.p.a. e art. 395, n. 4, c.p.c.) della sentenza  del Consiglio di Stato , sez. IV, del 20 giugno 2012, n. 3623, per aprire il Megasansificio.

Anche a noi, presso il nostro avvocato, è stato notificato il ricorso in oggetto.

VEGLIE - Un Consiglio lampo, quello di stasera, durato 48 minuti (dalle 20:11 alle 20:59). Dopo la richiesta di rinvio della seduta respita dal Consiglio, la minoranza abbandona l'aula. La protesta ha avuto inizio con la proposta avanzata dal consigliere Elio Spagnolo (capo gruppo di Unione per Veglie), il quale ha denunciato l'impossibilità di avere copia degli atti del consiglio stesso. Il sindaco ha giustificato la cosa spiegando che il comune non aveva carta.

VEGLIE - Tenuta della maggioranza alla prova del nove. Si terrà questa sera, alle ore 20, la prima importante seduta consiliare dopo l'apertura della crisi di maggioranza, formalizzata alla fine dello scorso novembere dal sindaco Sandro Aprile con l'azzeramento della giunta e la successiva nomina della mini-giunta formata solo da sue assessori (Nicola Gennachi e Salvatore Vetrano).

Ieri sera, nella sede locale del PD, i due candidati Pierluigi Bianco e Mariateresa Bardoscia hanno incontrato i militanti vegliesi. Assieme a loro Alfonso Rampino (coordinatore della campagna elettorale del PD leccese). "Il primo di una serie di incontri" - spiega Giovanni Caputo (coordinatore del PD vegliese) - "Abbiamo invitato coloro che militano per l'idea... a noi non importa il candidato per la poltrona ma quelli che vedono la politica come servizio". A esordire è Rampino "Serve il coraggio di una nuova classe dirigente, un grande partito coniuga l'esperienza del passato con il dinamismo del futuro. Vogliamo riscrivere il modello di "fare politica", pensare al partito-comunità e non al "partito-affari". Questa è una campagna elettorale anomala, che non si vince in TV" - conclude Rampino.

 Il segretario del partito centrista, Mario Carlà, spiega le ragioni del malcontento

“Il nostro appoggio alla maggioranza non sarà più incondizionato”

VEGLIE - «l comportamento non lineare e politicamente non idoneo del sindaco Sandro Aprile ha creato l’attuale situazione di disorientamento all’interno della maggioranza». Il segretario Udc, Mario Carlà, chiarisce la posizione del partito in riferimento alle recenti vicende che hanno determinato prima l’azzeramento della giunta, poi la proposta di rimodulazione dell’esecutivo con la nomina di due assessori interni e due esterni e, infine, la decisione di proseguire il percorso amministrativo con una giunta a sei.

L'Udc provinciale frena sui nuovi consiglieri

VEGLIE - Fratture confermate a Palazzo di Città, a Veglie, dove sono in corso movimenti delicati sullo scacchiere interno per definire i nuovi assetti dopo l'azzeramento della giunta guidata dal sindaco Sandro Aprile. Il carburante dato dal primo cittadino all'Udc, cui andrebbero tre assessori della nuova squadra (di cui uno, Salvatore Vetrano, è stato già designato), non sarebbe bastato a riportare serenità.

VEGLIE - «Tre poltrone all’Udc? Il  partito non le ha chieste». I centristi non si esprimeranno sulla proposta del sindaco Sandro Aprile finalizzata al completamento dell’attuale giunta, attualmente formata solo da Nicola Gennachi ("Veg]ie  Futura") e da Salvatore Vetrano (Udc), con la nomina alla carica di assessore anche di Cosimo Vetrugno e Carlo Calcagnile, oltre che di una donna di area Pd e di un altro assessore di "Veglie Futura".

VEGLIE - Sono ore decisive, a Veglie, per definire i nuovi assetti in seno alla costruenda Giunta comunale. Nuova, dopo la lunga crisi amministrativa che ha portato all’azzeramento, prima, e, alla definizione di nuove mosse sullo scacchiere interno, tali da accontentare tutti gli animi ed evitare il tracollo.

Proposta a sorpresa del primo cittadino accompagnata da un ultimatum: domani la risposta o dialogo chiuso

VEGLIE - Crisi della maggioranza: il sindaco Sandro Aprile tenta un ulteriore avvicinamento con l’Udc. Con una mossa a sorpresa si sarebbe dichiarato disponibile a nominare altri due assessori centristi.

Non si può restare inerti a fronte dell’ennesimo colpo che si sta infliggendo alla nostra Agricoltura a causa dei ritardi nell’erogazione dei saldi PAC 2012. Tali fondi infatti avrebbero dovuto essere erogati entro il 31 dicembre 2012, inducendo i nostri agricoltori- da tempo notoriamente in incolpevole, gravissima crisi di liquidità- ad assumere corrispettivi impegni con gli istituti di credito a fronte di corrispettive anticipazioni.

Storie ti Eie