LUPOMONACO: FINALMENTE UNA RISPOSTA!

0
2

Dopo mesi di inviti, sollecitazioni, proteste, sit-in e segnalazioni, non ultimo un esposto-diffida presentato al Sindaco del Comune di Veglie e inoltrato ai Carabinieri della stazione locale ed alla Procura di Lecce in cui si chiedeva che la macchia mediterranea Lupomonaco fosse tutelata dato il suo straordinario valore naturalistico e paesaggistico, si vede uno spiraglio di luce.
Il Sindaco ha disposto gli interventi dovuti per rimuovere i rifiuti pericolosi quale il persistente quantitativo di pannelli di amianto emersi dai vari sopralluoghi fatti dall’inizio di Novembre e che continuano tutt’ora, (continua …)

{gallery}grido_ulivi{/gallery}

(…segue) in un luogo che è un mero e invidiabile parco protetto abbandonato dove si continua a gettare rifiuti di vario tipo (bottiglie, copertoni, frigoriferi, televisori, tubazioni, residui di potature, materiale edilizio, secchi di tintura murale scaduti, bottiglie di olio…). Possiamo confermare che a luglio è stata eseguita una parziale bonifica della macchia mediterranea. Parziale, in attesa che si possa fare nettamente una buona pulizia del luogo. Prendiamo atto anche di un altro miglioramento: l’accesso di via Pirandello è stato chiuso con grossi massi.
Si ringrazia il Sindaco e la giunta comunale per l’attenzione data. Chiediamo pertanto all’Amministrazione di Veglie a continuare su questa linea e cogliamo l’occasione per riproporre le nostre richieste:
– tabellazione dell’area, ai varchi principali, che illustri i comportamenti consentiti e vietati all’interno della macchia, indicati nell’ordinanza del Settore Ambiente del Comune di Veglie n.° 12 del 6/3/2015;
– chiusura dei cinque varchi carrabili, con pietre e massi, con accesso consentito solo ai mezzi di servizio, VV.FF e operatori ecologici (si risparmierebbe sui costi delle periodiche bonifiche ambientali da rifiuti speciali);
– classificazione dell’area come “Oasi di protezione” nel prossimo piano faunistico-venatorio provinciale e regionale;
– adeguare il P.R.G. al Piano Paesaggistico Territoriale Regionale della Puglia;
– richiedere al Ministero dell’Ambiente il riconoscimento dell’area come “sito di importanza comunitaria”, ai sensi della Direttiva 92/43/CEE (sarebbe anche un marchio di qualità da sfruttare a livello turistico);
– destinare il tratto di circonvallazione ovest con visuale sull’area in oggetto a strada paesaggistica, definita dal PPTR suddetto;
– ripristino del casolare in legno all’interno dell’area, con relativa video sorveglianza affinché possa essere usato come rifugio/sosta per le visite guidate scolastiche e turistiche;
– prevedere una vigilanza saltuaria a cura della polizia municipale;
– interventi vari a prevenire gli incendi in collaborazione con la protezione civile e i Vigili del Fuoco;
– bonifica costante del sito dai rifiuti in particolar modo quelli speciali e pericolosi, sia su Lupomonaco, sia su
Sferracavalli;
– affidamento delle Oasi alle associazioni ambientaliste locali in collaborazione con il Comune.
Il Grido Degli Ulivi

Marco Costa, Domenico Giglio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui