CHIARIMENTI DEL DR. LINO ROLLO SUL CONVEGNO “AMBIENTE E SALUTE”

0
0

1)      Discordanze tra il Dr Portaluri (Radiologo Ospedale Perrino di Brindisi) e Dr De Filippis (Dirigente ASL Lecce)

 Il Dr Portaluri da decenni è impegnato nella lotta ai tumori causati dalle contaminazioni ambientali dovuti in gran parte ai grossi impianti chimici di Brindisi (Montedison ed altri) , agli impianti ENEL di Brindisi e Cerano e all’ILVA di Taranto ma le diverse Autorità Politiche (Comune, Provincia e Regione) ed Istituzionali (ASL,ARPA,etc.) non lo hanno mai ascoltato e supportato.

Solo negli ultimi tempi con l’intervento della Magistratura a Taranto e col cambio del Presidente della Regione Puglia da Vendola a Emiliano, che si è posto l’obiettivo di decarbonizzare gli impianti ENEL di Brindisi e Cerano e

uello ILVA di Taranto anche allo scopo di ridurre notevolmente la contaminazione ambientale nel Salento, le cose sono cambiate e gli allarmi e le emergenze tumori nel Salento sono ormai continuamente dibattute su tutti i media locali e oggetto di discussioni e dibattiti a tutti i livelli.

 2)      Dichiarazioni della Dott.ssa Mangia del CNR di Lecce

 La Dott.ssa Mangia ha chiaramente mostrato le aree con maggiore inquinamento ambientale nel Salento dovuto principalmente alle emissioni di NOx (Ossidi di Azoto), SOx (Ossidi di Zolfo), IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici), Polveri sottili, tutte sostanze ad alto rischio cancerogeno provenienti in massima parti da fonti industriali.

La Dottoressa ha anche detto che nella maggior parte dei luoghi in cui sono localizzate le centraline che misurano le concentrazioni delle sopra citate sostanze tossiche, le emissioni sono comunque entro i limiti di legge.

C’è da osservare a tal proposito che i limiti di legge di queste emissioni in Italia sono molto superiori a quelli indicati da OMS (Organizzazione Mondiale Sanità) e usati da diversi altri Paesi Europei dove l’impatto sulla popolazione delle emissioni di sostanze tossiche provenienti da grossi impianti industriali quali l’ILVA di Taranto e gli impianti ENEL di Brindisi e Cerano è più ridotto.

Lino Rollo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui