Il Comitato Ambiente Sano aderisce all’iniziativa di Forum Ambiente e Salute

0
0

Il Forum ambiente e salute promuove un appello, condiviso da molte associazioni ambientaliste e non solo, a tutela della scelta di fitodepurazione e riciclo dei reflui contrastando lo scarico a mare, una problematica questa prioritaria per tutto il Salento. Il Comitato Ambiente Sano aderisce a questa importante iniziativa. Per i prossimi giorni è prevista una manifestazione pubblica, renderemo noti luogo e data dove si svolgerà non appena saranno definiti.

Pubblichiamo (di seguito, ndr) il testo dell’appello.

Il Presidente, Dario Ciccarese

SALENTO: ACQUE REFLUE RECUPERO PER L’AGRICOLTURA E LA FALDA NO SPRECO E SCARICO A MARE

 

PRESIDENTE REGIONE PUGLIA

PRESIDENTE AQP

PREFETTO LECCE

PRESIDENTE PROVINCIA LECCE

Fitodepurazione delle acque reflue, con riciclo per l’agricoltura e per la ricarica della falda;

oppure discarica in mare delle stesse  depurate:  un’alternativa tra  recupero e difesa dell’acqua dolce, oppure  distruzione del bene primario e  a rischio di depauperazione irreversibile. Tale alternativa  non si è prospettata nel significato strutturale  di confronto su opzioni opposte,  anche per  la mancata mobilitazione dell’opinione pubblica del Salento,  coinvolto globalmente, su un aspetto primario del territorio; è invece rimasta confinata nella dimensione di  scontro localistico, almeno in un caso. La problematica interpella scelte fondamentali per il nostro territorio,  che  subisce  gravi contraccolpi dalla  criticità in cui versano gli impianti di depurazione (con le conseguenti pesanti sanzioni) e per la  precarietà e  criticità del suo sistema idrico;  tali scelte  si  collocano inoltre all’interno di due  visioni  contrapposte di gestione delle risorse naturali : da un lato  l’illusione irresponsabile di  una disponibilità illimitata dell’acqua dolce  e potabile, che legittima lo spreco e la dispersione in mare ; dall’altro  il dovere di  chiudere il cerchio del suo utilizzo: quindi   restituirla alla falda depurata, dopo  un uso accorto, a partire dall’agricoltura.

Il Salento in primis deve promuovere e sostenere la seconda opzione: assenza di risorse idriche di superficie; disponibilità solo di acqua da falda; suo abbassamento, per un uso crescente e incontrollato che favorisce la salinificazione con isterilimento del suolo agricolo (quindi maggior ricorso a concimi chimici); il suo inquinamento batteriologico e chimico, anche per le diverse discariche abusive e non. In tale scenario l’acqua di falda diventa una risorsa sempre più scarseggiante e inquinata   perfino più nociva per la salute e l’ambiente.

Per quanto premesso le sottoscritte associazioni e movimenti dichiarano indispensabile una scelta definitiva da parte delle istituzioni e degli enti responsabili a favore dei progetto di fitodepurazione e comunque del riciclo dell’acqua, accelerando gli iter, anche per rispondere sollecitamente ad esigenze collaterali (completamento e attivazione dei sistemi fognari): esso è l’unico   percorso virtuoso e doveroso. Ciò deve valere per ogni località salentina e regionale e per ogni intervento di realizzazione o ristrutturazione   dei depuratori.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui