UN ALTRO PASSO

0
0

Dopo la Deliberazione di Giunta Comunale n. 47/14, finalmente il Comune di Veglie con la conseguente Ordinanza del Settore Ambiente n.12 del 6/3/15 vieta nella macchia mediterranea in contrada “Lupomonaco” le seguenti attività: disturbare, danneggiare, catturare, uccidere animali; distruggere, danneggiare, sottrarre nidi e tane; raccogliere, danneggiare, estirpare flora, frutti, funghi; abbandonare rifiuti; produrre luci, suoni, rumori molesti; transitare con mezzi motorizzati, eccetto mezzi di servizio e vigilanza; accendere fuochi; allestire campeggi; danneggiare fabbricati o

manufatti o utilizzarli impropriamente; condurre animali liberi ed esercitare il pascolo. E prevede le

relative sanzioni per i contravventori.

Nel territorio vegliese si trova l’attrezzatissimo “Parco Santa Barbara”, di proprietà comunale e gestito da privati; a circa un chilometro dalla macchia mediterranea, c’è il parco giochi “Alaska”, di

proprietà privata ma aperto al pubblico; sempre nel nuovo quartiere “Lupomonaco”, in via Emanuela Setti Carraro, è accessibile il circuito podistico comunale, attrezzato e illuminatissimo,

con ampio parcheggio.

Pertanto era doveroso regolamentare la corretta fruizione della macchia mediterranea, destinandola al ripopolamento faunistico utile all’agricoltura, all’osservazione della natura per i turisti, all’educazione ambientale per le scolaresche, alle silenziose passeggiate di escursionisti e ciclisti. Come in tutti i parchi naturali o gli orti botanici. Correttamente gestita e frequentata, sarà sicuramente uno dei fiori all’occhiello per il rilancio dell’immagine turistica vegliese. Insieme ad altri beni naturali e architettonici, potrebbe attrarre una parte del flusso turistico che assalta la costa salentina. La parte migliore del turismo, che non schiamazza di notte, non sporca o urina per strada, e non fa risse sotto effetto dell’alcol, come spesso è avvenuto nell’estate gallipolina o la movida leccese.

Un altro piccolo ma importante passo per la conservazione di uno degli ultimi brandelli della macchia d’Arneo, scenario di caccia, brigantaggio e lotte contadine.

Ringrazio i dottori Matilde Pirrera e Vincenzo Calignano, Commissario e Sub Commissario Prefettizio del Comune di Veglie per l’attenzione prestata al decennale problema.

La strada per l’istituzione di un parco naturale è ancora lunga; in primis si dovranno adeguare gli strumenti urbanistici al Piano Paesaggistico Territoriale Regionale della Puglia.

Veglie, 7 marzo 2015

Dott. Fabio Coppola

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui